Reading Time: 2 minutes
Dolomiti-UNESCO-ricerca

Image CC BY-NC-ND: Andrea Omizzolo

L’Istituto per lo Sviluppo Regionale e il Management del Territorio dell’EURAC, dall’anno 2009, é impegnato in progetti di ricerca riguardanti le Dolomiti Patrimonio UNESCO. Uno specifico gruppo multidisciplinare dal 2011 al 2013 si é occupato, su mandato della Fondazione Dolomiti UNESCO, dello studio sulla strategia per il turismo sostenibile, uno dei pilastri del sistema di governance richiesto specificatamente da UNESCO in sede di riconoscimento nel Giugno del 2009.

Il rapporto “Turismo Sostenibile nelle Dolomiti”, frutto di due anni di intenso lavoro di ricerca applicata e approvato definitivamente dal Consiglio della Fondazione nel corso del 2013, rappresenta un passo importante nello sviluppo del piano di gestione complessivo ed unitario delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità. La sfida gestionale per le Dolomiti è infatti rappresentata dalla vastità e dalla complessa articolazione amministrativa di un Bene seriale composto da nove gruppi dolomitici estesi su un’area di circa 142.000 ettari compresa nei territori di cinque province (Belluno, Bolzano, Pordenone, Trento, Udine), 3 regioni ed una moltitudine di municipalità.

Sulla base dei risultati di questo studio, nel 2013 è stato affidato ad EURAC l’incarico di svolgere un’ulteriore indagine dedicata al turismo sostenibile nell’area delle Dolomiti. La ricerca, attualmente in corso, mira ad approfondire la conoscenza dei comportamenti di visita dei turisti, delle aspettative da parte degli operatori turistici ed effettuare una prima analisi dei sistemi di trasporto pubblico attivi per l’accesso ai diversi Sistemi del Bene.

L’impegno di EURAC a favore dei paesaggi montani unici al mondo e di eccezionale bellezza naturale che compongono le Dolomiti si concretizza anche nella partecipazione attiva in qualità di Socio Sostenitore alle varie attività di promozione e divulgazione scientifica promosse dalla Fondazione Dolomiti UNESCO. Inoltre, il gruppo di ricerca multidisciplinare che attualmente sta seguendo i progetti citati su turismo e mobilità può contare sugli apporti degli altri ricercatori dell’Istituto per lo Sviluppo Regionale e il Management del Territorio e degli altri dieci istituti EURAC.

Il continuo confronto fra esperti di vari settori è occasione di miglioramento continuo delle ricerche e stimolo importante per colmare alcune lacune emerse durante i primi due studi. L’esperienza maturata in progetti come quelli dedicati al connubio Turismo – Prodotti Regionali o le attività svolte a supporto della Convenzione delle Alpi e della Convenzione dei Carpazi o, ancora, gli studi innovativi su temi di grande attualità come la Macroregione Alpina, sono un plusvalore unico sfruttato nella ricerca per le Dolomiti.

Esperti negli aspetti socioeconomici dell’agricoltura di montagna, sviluppo urbano delle aree montane, aree protette e risorse naturali, branding e sviluppo locale/regionale saranno inoltre coinvolti nelle future proposte progettuali per contribuire fattivamente al miglioramento della qualità degli sforzi di ricerca e quindi ad una protezione attiva e condivisa di un Bene dall’incredibile bellezza ed unicità paesaggistica.

Autore: Andrea Omizzolo

Link utili

 

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments. Leave new

  • […] “… Il rapporto “Turismo Sostenibile nelle Dolomiti”, frutto di due anni di intenso lavoro di ricerca applicata e approvato definitivamente dal Consiglio della Fondazione nel corso del 2013, rappresenta un passo importante nello sviluppo del piano di gestione complessivo ed unitario delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità. La sfida gestionale per le Dolomiti è infatti rappresentata dalla vastità e dalla complessa articolazione amministrativa di un Bene seriale composto da nove gruppi dolomitici estesi su un’area di circa 142.000 ettari compresa nei territori di cinque province (Belluno, Bolzano, Pordenone, Trento, Udine), 3 regioni ed una moltitudine di municipalità (Andrea Omizzolo)”. […]

    Reply
  • One of the natural wonders of the world, beautiful

    Reply
  • […] Fondazione Dolomiti UNESCO e rientra tra le buone pratiche del Turismo sostenibile nelle Dolomiti (Rapporto Eurac), tra i Marchi di Qualità del Ministero dello sviluppo […]

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Fill out this field
Fill out this field
Please enter a valid email address.

Menu